21 dicembre 2017

PANDORO con lievito di birra e senza sfogliatura con video ricetta

Il Pandoro, un grande classico che mai manca nelle nostre tavole. Farlo in casa è una grande soddisfazione per quanti come me si cimentano sempre in nuove sfide e curiosità. Dal sapore molto simile e decisamente meno pesante, il Pandoro fatto in casa si mantiene minima una settimana se ben chiuso in un sacchetto. Per gustarlo al meglio è consigliabile aspettare due giorni dalla preparazione. Puoi trovare qui lo  stampo per Pandoro da 1 Kg
🎄VIDEO TUTORIAL 🎄

COSA SERVE per uno stampo da 1 Kg:
INGREDIENTI TOTALI:

  • 450 gr di farina Manitoba
  • 150 gr di zucchero a velo vanigliato + quello per decorare
  • 5 uova (1 tuorlo e 4 intere)
  • 1 fialetta di aroma vaniglia
  • 1 fialetta di aroma arancio
  • 1 cucchiaio di rum
  • 200 gr di burro ammorbidito
  • 1 pizzico di sale
  • 50 ml di acqua tiepida
  • 18 gr di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di miele

Per il Lievitino:
  • 50 ml di acqua tiepida
  • 18 gr di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 tuorlo
  • 50 gr di farina Manitoba
Prepariamo il lievitino mettendo nell'impastatrice  l'acqua tiepida, il lievito sbriciolato e il miele, con un cucchiaino mescoliamo per far sciogliere poi versiamo il tuorlo e azioniamo l'impastatrice con il gancio quindi uniamo anche la farina.  
Ottenuto un impasto omogeneo e abbastanza liquido, copriamo la ciotola con la pellicola trasparente e facciamo lievitare, dentro il forno con la luce accesa, fino al raddoppio del volume, impiegherà circa 1 ora.

Per il 1° Impasto:
  • il lievitino
  • 1 uovo intero
  • 50 gr di zucchero a velo vanigliato
  • 150 gr di farina Manitoba
Al lievitino aggiungiamo, l'uovo intero battuto, lo zucchero e la farina quindi sempre usando il gancio facciamo lavorare l'impastatrice per 15 minuti.
Copriamo la ciotola con la pellicola trasparente e facciamo lievitare, dentro il forno con la luce accesa, fino al raddoppio del volume, impiegherà circa 2 ore.

Per il 2° Impasto:
  • il 1° impasto
  • 3 uova intere
  • 1 fialetta di aroma vaniglia
  • 1 fialetta di aroma arancio
  • 1 cucchiaio di rum
  • 100 gr di zucchero a velo vanigliato
  • 250 gr di farina Manitoba
  • 200 gr di burro a pezzetti e ammorbidito
  • 1 pizzico di sale
Al 1° impasto aggiungiamo, le uova intere battute, l'aroma vaniglia, l'aroma arancio, il rum, lo zucchero e la farina quindi sempre usando il gancio facciamo lavorare l'impastatrice per 15 minuti.
Ora aggiungiamo il burro, un pezzettino alla volta, senza fretta e quando l'impasto avrà assorbito tutto il burro aggiungiamo un pizzico di sale.
A questo punto l'impasto risulterà molto elastico, lo trasferiamo su un piano da lavoro infarinato e con le mani infarinate lo ripieghiamo 8 volte su se stesso, prendendo con le dita una parte del bordo e portandola verso il centro, procediamo così in senso orario per otto volte (come potete vedere nel video) è più semplice a farsi che a spiegarsi.
Non rimane che pirlare l'impasto, ossia ruotarlo sul piano da lavoro per dargli una forma sferica (come potete vedere nel video) e trasferitelo nello stampo per pandoro accuratamente imburrato, mettendo la parte liscia sotto.
Copriamo con pellicola trasparente e facciamo lievitare, dentro il forno con la luce accesa, fino ad arrivare sul bordo dello stampo, impiegherà circa 3 ore.

Cottura:
Cuociamo il Pandoro nel forno già caldo, statico, nella griglia bassa, a 160 c° per 45 minuti. Fare comunque la prova stecchino ( quello lungo per spiedini) per assicurarvi che sia ben cotto.
Gli ultimi 15 minuti di cottura se vediamo che il Pandoro si colorisce troppo sopra, possiamo coprirlo con un foglio di carta stagnola.
Una colta cotto togliamolo dal forno e aspettiamo 30 - 40 minuti dopodiché potremo toglierlo dallo stampo.
Solo quando sarà completamente freddo chiudiamolo dentro un sacchetto di plastica per alimenti e chiudiamolo bene.
Cospargiamo di zucchero a velo vanigliato prima di servire.

Consigli:
Il Pandoro mano mano che riposa nel sacchetto acquista sapore quindi per gustarlo al meglio vi consiglio di far passare due giorni prima di mangiarlo.

Il Pandoro ben chiuso nel sacchetto si conserverà per almeno una settimana.

...**...............................**...............................**...
Grazie per essere passati sul mio blog

potete seguirmi anche su:
...**...............................**................................**....  

1 commento:

Cristina Bernardi ha detto...

Complimenti, splendida ricetta, non è da tutti fare un pandoro così, un abbraccio!